Iscriviti alla newsletter
Rimani costantemente a contatto con popolodelmare il portale della pesca in mare e del mondo marino
Previsioni meteo Italia
Click per aprire http://www.ilmeteo.it

Copyright - www.passioneducati.com
Moon Phase
Meteo
Home

Il surfcasting

I pesci dell'inverno

Tecniche di pesca - Il surfcasting

La pesca sportiva in mare negli ultimi anni ha raggiunto un alto grado di popolarita'. In particolare sono molti coloro che si sono appassionati alla pesca a fondo da scogliere o dalla spiaggia in condizione di mare calmo o poco mosso ( beach ledgering), o con mareggiate in atto ( surfcasting). Quando arrivano i primi freddi molti di coloro che insidiano le mormore durante il periodo che va dalla primavera a Ottobre inoltrato, depongono le canne nell'armadio, pulendole e oleandole in attesa dell'arrivo della primavera. Non tutti però. Per quei pochi che sono appassionati alla pesca con i piombi al limite della “malattia”(in senso buono e scherzoso ovviamente...), scrivo questo articolo, corredato di montature indirizzato alla cattura delle tre specie più presenti nel sottocosta nel periodo invernale nel medio Adriatico: il  grongo, la spigola e il rombo.

Unica raccomandazione ve la do subito dall'inizio: se andate a pescare nei mesi più freddi copritevi adeguatamente o è meglio restare a casa vicino ad un ceppo di legno scoppiettante nel camino: giacca a vento ultraimbottita, saloppette da sciatore, stivali imbottiti, copricapo, guanti ecc...devono essere parte del vostro abbigliamento altrimenti rischiereste inutili stati influenzali da raffreddamento.

popolodelmare montatura grongo surfcasting111.jpg - 157.78 Kb

LEGGI TUTTO

Leggi tutto...

 

Il Pater Noster

Tecniche di pesca - Il surfcasting

Il Pater Noster è tra i più vecchi calamenti del surfcasting, ed è stato utilizzato in diversi campi della pesca sportiva, vedi bolentino praticato da natante, e semplice pesca a fondo. E' anche un calamento che contempla due ami e di calamenti di questo tipo non ve ne sono molti nella pesca del surfcasting. Utilizzare due esche può essere vantaggioso per più motivi, tra i quali sicuramente indichiamo il fatto che il calamento può essere doppiamente catturante: intendiamoci bene, dubito che si riesca a fare doppietta con mare mosso o molto mosso, ma sicuramente creare una scia odorosa più forte questo si. Ne emerge che il pater noster è un calamento da utilizzare con mare mosso o molto mosso, poichè è in queste condizioni che da i migliori risultati e i due bracci lavorano meglio. Per mare mosso i braccioli devono avere sezione dello 0,40 e lunghezza non superiore a 35 cm mentre a mare molto mosso la sezione dei due braccioli deve salire ad uno 0,50/0,60 per una lunghezza non superiore a 20 cm.

popolodelmare-paternoster con sfondo mare mosso definitivo.jpg - 596.76 Kb

LEGGI TUTTO

Leggi tutto...

 

Pulley-rig

Tecniche di pesca - Il surfcasting

Con questo articolo voglio uscire dalle comuni montature utilizzate a surfcasting nella nostra Italia e voglio sottoporre alla vostra attenzione una montatura molto particolare, che ho visto utilizzare per lo più dai surfcasters inglesi (vado spesso nella zona di Brighton), che sembrano amarla particolarmente e con la quale sono in grado di catturare dalle spigole, razze, gronghi, merluzzi, insomma, un po di tutto. Il concetto base molto importante è che una volta che il pesce si dirige sull'esca, la azzanna e rimane allamato, tira il finale nella sua fuga iniziale (da qui il nome di pulley ovvero puleggia o carrucola) facendo alzare il piombo dal fondo. La funzione della carrucola è svolta da una robusta girella. Questa particolare montatura è indicata anche per pescare su fondali ciotolosi, ma con particolari accorgimenti si può utilizzare anche su fondali rocciosi. Il vantaggio è che il piombo viene disincagliato dall'azione del pesce. Ma vediamo come si relaizza il pulley-rig.

popolodelmare-pulley rig.jpg - 495.56 Kb

Come si può notare dallo schema qui sopra riportato, è fondamentale che tra la girella collegata allo schock leader e quella a cui collegheremo il nostro finale, ci sia almeno un 5 cm di distanza quando andiamo ad agganciare l'amo nel nostro rig clip per piombo dotato di bait clip. Questi 5 cm sono neessari poichè in fase di lancio in tal modo andiamo a sollecitare il tratto di lenza spesso 0,70. Se le due girelle fossero a contatto lanceremmo con un 0,40 o 0,30 perdendo quindi resistenza e robustezza.

LEGGI TUTTO

Leggi tutto...

 

Short e short rovesciato

Tecniche di pesca - Il surfcasting

Analizziamo in questo articolo il calamento short e short rovesciato. Al contrario del Long arm che in inglese viene tradotto braccio lungo, lo short significa corto. Ciò sta a significare che il braccio non sarà più lungo ma corto: già, ma quanto corto? Lo short e lo short rovesciato sono calamenti utilizzabili in quasi tutte le mareggiate, questo fa pensare ad una lunghezza massima di 1,00 ml. Tale tipo di braccio risulta essere quasi immune da grovigli anche a mare molto formato.  

popolodelmare-short modificato1.jpg - 183.46 Kb

 LEGGI TUTTO

Leggi tutto...

 

Il long arm

Tecniche di pesca - Il surfcasting

Analizziamo il potenziale di uno dei calamenti più usati nella pesca da riva: il long arm. Letteralmente il termine deriva dalle parole inglesi long= lungo, arm=braccio: per cui "lungo braccio". In mezzo alla schiuma non lavora tanto bene per cui a surfcasting lo utilizzeremo prevalentemente quando il mare non è troppo agitato, per esempio nella fase di scaduta. Discorso diverso riguarda la pesca con il long arm in condizioni di mare prevalentemente calmo. Si parlerà di beach ledgering o PAF e questo calamento può risultare catturante soprattutto nei confronti degli esemplari di maggior peso, i "Big Fish". Lo schema che sono solito impostare per il long arm è il seguente:

popolodelmare-long arm modificato.jpg - 214.84 Kb

 

Vorrei porre la vostra attenzione sui diametri dei fili e sul materiale utilizzato: trave dello 0,60 in fluorcarbon vuol dire avere un trave molto rigido, resistente alle abrasioni, ed estremamente robusto agli sforzi di trazione. Su di una rivista di pesca leggevo che il fluorcarbon non è assolutamente da utilizzare poichè rispetto al normale monofilo è meno resistente per cui in fase di lancio si rischia di rompere il trave. Bene ma qui c'è un diametro dello 0,60 che tiene a 25,488 kg. (per la cronaca uso l'XPS Fluorocarbon Super Iso di Trabucco, lunghezza 20 ml.) ed in più è molto rigido e superesistente alle abrasioni: ogni pescatore è giusto che abbia le sue preferenze che derivano da anni di pratica e tentativi.....  

popolodelmare-particolare long arm.jpg - 352.22 Kb

LEGGI TUTTO

Leggi tutto...

 
<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 2