Iscriviti alla newsletter
Rimani costantemente a contatto con popolodelmare il portale della pesca in mare e del mondo marino
Previsioni meteo Italia
Click per aprire http://www.ilmeteo.it

Copyright - www.passioneducati.com
Moon Phase
Meteo
Home La pesca in mare con il bigattino Come e perchè incollare i bigattini

Come e perchè incollare i bigattini

Tecniche di pesca - La pesca in mare con il bigattino

L'esigenza di incollare i bigattini nasce quando ci troviamo ad affrontare forti correnti e/o fondali abbastanza profondi. In questi casi se non adottassimo un espediente di tale tipo, i bigattini gettati con la fionda potrebbero finire lontano dal transito del nostro finale che striscia sul fondo. E' per tale ragione che quando siamo in tali situazioni, specialmente con mare un poco formato, conviene provare ad utilizzare colla e piccoli sassolini che si comprano appositamente nei negozi di pesca e che aiutano i bigattini a scendere esattamente dove abbiamo lanciato la palla che avremo preparato.

Per prima cosa si prende una bacinella in cui versare i nostri bigattini. Si uniscono alle larve del ghiaietto che avremo comprato al negozio di pesca, e poi spargiamo della colla in polvere anch'essa comprata in negozio. Ora non rimane che scuotere un po il recipiente di modo che la polvere si sparga per bene, ne riaggiungiamo un altro po a formare un sottile velo sopra le larve e il ghiaietto e poi con un nebulizzatore piccolino spruzziamo dell'acqua sul contenuto del recipiente. Se attendiamo un minuto e vedremo che il movimento delle larve si fa difficile, ed è proprio questo momento che sarà quello propizio per fabbricare le nostre palle di ghiaietto e larve di mosca carnaria. Le faremo grandi come un mandarino o se preferite come un'arancia, questo dipende da come volete impostare la battuta di pesca e cosa volete catturare. Così fabbricate le palle raggiungeranno velocemente il fondo, daranno modo alle larve di sciogliersi una volta arrivate su di esso, e sarete sicuri del punto da cui la corrente marina le farà muovere.

Personalmente ho trovato questo metodo di pasturazione indicato con parecchi metri di acqua tra il fondo e la superficie (pesca dalle banchine portuali alla ricerca di spigole e orate), e ogni qualvolta la corrente, pescando dalla scogliera, era troppo sostenuta e trasportava via le larvette lontano dalla mia zona di pesca, seppur calcolassi la velocità della corrente per poterle lanciare in un punto efficace. Chi pesca durante la fase di scaduta del mare non può rinunciare ne alla colla per bigattini ne alla ghiaietta.