Iscriviti alla newsletter
Rimani costantemente a contatto con popolodelmare il portale della pesca in mare e del mondo marino
Previsioni meteo Italia
Click per aprire http://www.ilmeteo.it

Copyright - www.passioneducati.com
Moon Phase
Meteo
Home Cannolicchio

Cannolicchio

Cannolicchio

Esche e pasture - Cannolicchio

popolodelmare innesco del cannolichhio.jpg - 147.68 Kb

E' un mullusco fornito di due valve rettangolari molto allungate e leggermente bombate, di colore marrone chiaro, beige,con delle sfumature violacee, le quali racchiudono il corpo, il quale risulta tenero ed assai delicato.

 

Ne esistono di tre specie che hanno in comune la forma della conchiglia. I Solenidi hanno conchiglia liscia, poco solida, equivalve, tubiforme e tronca alle due estremità. Dall'estremità anteriore sporge il grosso piede, da quella posteriore i sifoni riuniti. Il cannolicchio scava delle gallerie nella sabbia fino ad un metro di profondità. Una volta che sente qualche possibile minaccia in avvicinamento, si ritira nella sua galleria, con l'aiuto del suo piede molto estensibile. La taglia più frequente è di 12-14 cm ma può raggiungere anche 16 cm di lunghezza. Il cannolicchio vive filtrando l'acqua marina, la quale passa attraverso un sifone inalante che filtra le particelle contenute in essa, e poi refluisce attraverso il secondo sifone esalante insieme ai residui della digestione.

I cannolicchi vivono infossati nella sabbia del litorale e sono praticamente invisibili, la loro presenza viene rivelata soltanto da due fori che disegnano nel sedimento una specie di otto e altro non sono che le estremità dei sifoni; vivendo sotto la sabbia, i cannolicchi estroflettono fino in superficie i due sifoni di aspirazione e scarico dell’acqua che viene filtrata dal mollusco e privata di tutte le sostanze nutritive.
Dall’apertura opposta della conchiglia, invece, l’animale è in grado di far uscire un piede molto grande che costituisce la maggior parte di mollusco commestibile; questa è la vera arma di difesa del cannolicchio, infatti quando avverte un’insidia, con il piede scende ad una velocità sorprendente nel sedimento tirandosi dietro la conchiglia; sembra che in pochi secondi l’animale riesca a scendere parecchi centimetri sotto lo strato sabbioso.