Iscriviti alla newsletter
Rimani costantemente a contatto con popolodelmare il portale della pesca in mare e del mondo marino
Previsioni meteo Italia
Click per aprire http://www.ilmeteo.it

Copyright - www.passioneducati.com
Moon Phase
Meteo
Home La pesca delle mormore

La pesca delle mormore

Mormore dalla sabbia

Tecniche di pesca - La pesca delle mormore

La mormora è senza dubbio uno dei pesci più insidiati delle coste del Medio-Alto Adriatico. In genere si avvicina al sottocosta nei mesi di Aprile/Maggio per rimanervi fin verso la metà di Ottobre. Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un vero e proprio sterminio di questi bellissimi pesci, attuato con reti da pescatori professionisti. Le poche mormore che rimangono fuori dalle maglie delle reti, sono quasi tutte sui tre etti, se non di meno.

popolodelmare-montatura finali corti presentazione.jpg - 183.16 Kb

Quest' anno io e i miei compagni di pesca abbiamo realizzato catture dalla spiaggia in condizioni di mare calmo la sera, ad una distanza di 100/150 ml dalla battigia.

Pescando le mormore da riva, in genere con mare calmo o poco mosso, il piombo ideale è un 120/125 gr. Le canne che andremo ad utilizzare devono avere tale potenza. Possiamo usare sostanzialmente tre tipi di canne:

  1. Telescopiche: il mercato presenta una grande scelta di questa tipologia di canne, per tutte le fasce di prezzo. Segnalo le Shimano Antares vecchio modello, azione 150 gr. Oppure le Daiwa Tournament tele Surf di medesima potenza o le Maver Elite telescopiche azione 120 /150 gr.

  2. Canne in tre pezzi: più potenti rispetto alle precedenti, anche se peccano un po in sensibilità: in commercio troviamo veri e propri gioielli, prime fra tutte le Daiwa Tournament Pro Surf azione 150 gr. (regalano metri già ai primi lanci, senza contare la loro leggerezza). Poi citerei la Maver Elite tre pezzi azione 120/150 gr, la Shimano Ultegra Super Sensitive.

  3. Canne ripartite in due pezzi: più potenti delle tre pezzi con la pecca della sensibilità del cimino che risulta essere abbastanza spesso, nell'ordine di 3,5 mm in punta. Sono canne tradizionali anglosassoni, a mio avviso poco adatte alla pesca della mormora, anche se oggi le grandi case produttrici di canne hanno sfornato dei veri gioielli robusti e sensibili. Sono canne che se caricate a dovere regalano distanze ragguardevoli ma sono in genere pesanti e ingombranti: non sono canne per la ricerca del pesce. Segnalo la daiwa tournament f1 gr.150 due pezzi che per questa pesca va più che bene, oppure le zziplex con vettino match, oppure le century tip tornado LD. Queste canne sono per la maggiore montate da rotante.

Telescopiche:

Marca

 

modello

lunghezza

Lunghezza chiusa

 

anelli

sezioni

Potenza di lancio

peso

diametro

shimano

Antares cx

4,30

157

5

6

150

389

/

daiwa

Tournament tele surf

4,20

120

/

5

50/150

/

/

maver

Elite

4,30

163

5

6

130

275 grezza

21

LEGGI TUTTO

Leggi tutto...

 

Il braccio di acciaio armonico

Tecniche di pesca - La pesca delle mormore

Vorrei ora parlarvi di un'interessante montatura che viene utilizzata per la pesca a beachledgering o anche a fondo da scogliere artificiali ed è rivolta principalmente alla cattura di grufolatori marini e pesci piatti ma non è affatto disdegnata dalle spigole e le ombrine. Trattasi di un calamento altamente catturante anche sui nostri fondali e dico anche poiché naturalmente lo hanno inventato quei geniacci dei giapponesi: loro lo chiamano “coda di drago”  e lo utilizzano prevalentemente dalla barca come ci mostra il filmato mostrato qui sotto. In realtà quella che vi propongo ne è un'interessante variante.

 

In realtà si può adattare benissimo il concetto anche ad una pesca di distanza dalla riva, a patto che il mare risulti calmo. Ripeto, ciò che sto per mostrarvi è una vera e propria chicca che se il pesce è presente, consente di effettuare catture multiple dato che si tratta di un finale a tre ami. Alla base di tutto c'è un braccio in acciaio armonico che dovremo costruire con esattamente le misure che ho riportato in figura. Per procurarsi l'acciaio armonico basta recarsi da un negoziante di pesca che tratta i finali destinati alla pesca di tonni o squali. Il mio negoziante aveva un finale di tale tipo rimastogli da tanto tempo e me lo ha dato gratis.....Il libbraggio non ve lo saprei dire, comunque deve avere il diametro di un fil di ferro. non si fa altro che piegare il filo di acciaio con un paio di pinze, in modo da realizzare le misure mostrate in figura,dopodichè si avrà premura di realizzare anche occhielli ripiegando su se stesso il filo di acciaio, i quali sono fondamentali perchè serviranno per collegare la girella alla fine dello shock leader, il gancio di collegamento al piombo, ed infine il moschettone che collega il finale a tre ami.

LEGGI TUTTO

Leggi tutto...

 

L'azione di pesca alla mormora

Tecniche di pesca - La pesca delle mormore

In questo articolo affrontiamo la pesca alla mormora. In primo luogo, occorre scegliere la  postazione. Al contrario di altre specie quali la spigola, la mormora è distribuita un po' ovunque, ma ci sono dei luoghi più frequentati di altri, come una scogliera artificiale parallela alla costa che si spinge più verso il mare aperto di altre scogliere. Anche le buche tra due scogliere sono punti molto pescosi, soprattutto verso il tramonto quando il pesce entra all'interno delle scogliere artificiali. Anche le scogliere artificiali allineate ortogonalmente alla costa sono adete alla pesca della mormora. Bisogna individuare i punti in cui la profondità dell'acqua è maggiore a causa di buche o canaloni, a fondale sabbioso. Conviene andare a pesca riducendo al minimo l'attrezzatura: guadino, due canne, zaino con gli accessori e un secchiello per le esche sono le uniche cose che servono.

 

popolodelmare azione di pesca alla mormora.jpg - 169.48 Kb

Portare sempre con voi tutte le esche che riuscite a rimediare, prevalentemente vermi di mare. La più catturante in assoluto è l'arenicola, seguita da coreano e muriddù. Molto catturante è la tremolina che vive sotto i sassi. Potete provare anche con piccoli cannelli, paguri sgusciati e cozze. La mormora è golosa di cozze.  Ci sono due cose fondamentali da portare quando si va a pesca, soprattutto d'estate: la cerata e le scarpe ai piedi. Mai uscire senza queste due cose se si pesca dalla scogliera. Nel periodo da giugno ad agosto si deve  pescare dal mattino presto fino alle 8:00/8:30 di mattina, e poi dalle 18:00 per tutta la notte, a causa della presenza dei bagnanti. Per segnalare le beccate nel caso di pesca notturna servono delle starlight da fissare sul cimino delle  canne mediante l'ausilio di scotch oppure di dispositivi messi in vendita dalla stonfo. Servirà anche una pila da testa per poter effettuare le varie operazioni . La montatura base non è complicata. Mediante un nodo di giunzione di sangue (illustrato da un video nella sezione nodi di pesca), si collega lo 0,30 allo shock leader del 0,40. La lunghezza dello shock leader deve essere circa due canne e mezzo. Si inserisce il piombo lungo lo shock leader, seguito da un salvanodo. A questo punto la girella va legata allo shock leader.

LEGGI TUTTO

Leggi tutto...

 

La pesca della mormora su fondale sabbioso-attrezzatura

Tecniche di pesca - La pesca delle mormore

La pesca della mormora dalle scogliere artificiali su fondo sabbioso

La pesca della mormora o del rigatino, come la chiamano in Romagna per via delle linee verticali che ne contraddistinguono il dorso, è una pesca molto divertente e se la stagione è buona può regalare anche numerose catture in una stessa battuta. La tecnica che si utilizza per catturare le mormore è una pesca a fondo, quella che oggi è chiamata beach ledgering. Ci sono però degli accorgimenti tecnici e delle strategie per affrontare le battute, che possono fare la differenza. Le mormore in Romagna e nelle Marche sono pesci stagionali che si avvicinano alla costa nel mese di Aprile e vi rimangono fino a Ottobre, salvo particolari annate, mentre nel Sud Italia sono stanziali, presenti sottocosta per tutto l'arco dell'anno.

 

popolodelmare rigatino.jpg - 228.25 Kb

Per un'ottima battuta di pesca è fondamentale la conoscenza del luogo. Le mormore sono un po' ovunque, ma ci sono punti in cui questi splendidi pesci stazionano più volentieri, perchè la corrente e il moto ondoso svelano quegli esserini che vivono sotto la sabbia e che costituiscono il loro principale nutrimento. La prima cosa da rilevare è la “morfologia” del luogo:pescare dalla spiaggia o da una scogliera artificiale non è la stessa cosa. Io mi trovo quasi sempre a pescare dalla scogliera artificiale e, contrariamente a quanto si possa pensare, il pesce non è mai molto distante dalla base sommersa della scogliera e addirittura a volte lo si trova proprio sotto di noi. Per queste ragioni, non ha senso utilizzare una canna molto potente per fare dei lanci molto lunghi. In sostanza il pesce bisogna cercarlo, poiché la mormora si muove in piccoli branchi a meno che non si tratti di individui adulti decisamente sopra la media come peso (700/800 gr.). La canna adatta per pescare la mormora dalla scogliera è di diversi tipi, che possiamo suddividere essenzialmente in canne da ricerca e da aspetto. a questi corrispondono due tecniche di pesca. La prima categoria di canne comprende attrezzi molto leggeri, con una potenza di lancio non oltre i 100 gr. Si può pescare per ore tenendo la canna in mano senza sentire indolenzimento al braccio o al polso. Alla seconda categoria appartengono le canne con un massimo di potenza di lancio di 120 gr. Entrambi i modelli devono avere dei vettini molto sensibili, capaci di avvertire anche le minime tocche dei pesci più sospettosi. Le canne da ricerca possono essere la Mitchell privilege mormora 2, canna dallo strepitoso rapporto qualità prezzo, una vera e propria bacchetta magica, molto ben curata e realizzata. Un altro eccellente attrezzo dal costo un po' più elevato risulta essere la Sansone di Barbetta, nella sua misura più lunga ossia la 4,50 ml. con azione > di 80 gr. Questa è una canna che per la pesca di ricerca alla mormora non ha rivali. Ha un dispositivo sensoriale che, se viene a contatto con il pollice della mano mentre la stiamo impugnando, è capace di trasmetterci la tocca del pesce anche se non vediamo la vetta, il tutto per un peso contenuto di 360 gr.. Vi è poi la Nexave AX TE 7 XH, una serie di canne estreme che per potenza, rigidità ed affidabilità non hanno rivali. Sono attrezzi per pesche particolari, come la pesca dagli scogli dove bisogna alzare il pesce di peso senza l’ausilio del guadino o per lanciare a notevole distanza da riva zavorre dal peso consistente. Io l'ho vista in pesca e devo dire che per azione ed eleganza è una signora canna. Per pescare dagli scogli prenderei una 4,50 azione 30-100 gr. Per 301 gr di peso. Chi volesse pescare con più ami si può orientare verso il modello da 4,80 ml per un'azione compresa tra 30 e 100 gr. e un peso di appena 310 gr. Per ciò che concerne le canne per la pesca di aspetto, ricordiamo tra le varie la Shimano Antares CX della lunghezza di 4,20 ml per una potenza di lancio di 120 gr, con un peso di 390 gr. La differenza tra le due tipologie di attrezzature è molto sottile e a volte durante l'azione di pesca ci si trova a ricercare le mormore con canne da aspetto e viceversa.

LEGGI TUTTO

Leggi tutto...